R.A.F. per giovani-adulti - Comunità Letizia

Finalità

I giovani inseriti possono trovare una condizione di stabilità personale ed essere condotti ad un atteggiamento il più possibile autonomo, maturo, critico nei confronti della realtà circostante

La Comunità Letizia, si propone come ambiente di accoglienza e di cura, di riabilitazione e integrazione per giovani adulti in situazione di disabilità psichica, con insufficienza mentale e con componenti psichiatriche. Essa si propone come luogo in cui i giovani inseriti possano trovare una condizione di stabilità personale ed essere condotti ad un atteggiamento il più possibile autonomo, maturo, critico nei confronti della realtà circostante.

Gli ospiti sono accolti in regime residenziale.

Finalità della comunità è progettare, con i giovani inseriti, un percorso che, utilizzando le potenzialità presenti, consenta a ciascuno di trovare un proprio equilibrio, delle modalità di relazione accettabili e una collocazione nel mondo.

Le attività della comunità, articolate in attività di laboratorio e del tempo libero, mirano a favorire in ogni momento della giornata lo sviluppo delle capacità e delle risorse di ciascun giovane inserito, con una particolare attenzione alle modalità relazionali che, spesso, rendono difficoltoso l’inserimento anche per quei giovani che possiedono discrete capacità di autonomia.

Come funziona

Per ogni ospite viene redatto un progetto individualizzato che, considerate le caratteristiche del giovane e il suo percorso precedente, ne valorizzi le potenzialità al fine di una collocazione che sia il più possibile integrata col l’ambiente esterno. Il progetto può così prevedere la frequenza scolastica, stage o tirocini lavorativi, partecipazione ad attività del territorio, ecc.

Risorsa di particolare importanza è costituita dalla Cascina Primavera dove i giovani ospiti possono essere inseriti per corsi propedeutici ad attività lavorative (attività di assemblaggio, lavorazione cuoio, attività agricole, attività di animazione), percependo una piccola retribuzione simbolica, che valorizza il loro impegno.

Le attività del tempo libero mirano, per quanto possibile, all’integrazione con il territorio circostante. Per attività ricreative si intendono attività sportive, ricreative o culturali, verso cui gli ospiti possano esprimere interesse.

I laboratori, che si costituiscono in base agli interessi dei giovani ospiti, hanno finalità di tipo terapeutico, nel senso che intendono cogliere e valorizzare gli interessi e le potenzialità di ciascun giovane, affrontando al contempo le sue difficoltà, per consentirgli di tramutarli in altrettanti strumenti per inserirsi nel mondo.

La comunità favorisce anche dei momenti di parola, articolati in gruppi di discussione, attraverso cui ciascuno possa articolare le proprie difficoltà nel gruppo e elaborare la propria modalità di porsi con gli altri.

I giovani ospiti, in base al progetto individuale, possono usufruire di psicoterapia individuale e essere seguiti attraverso un supporto psichiatrico.

Dove si trova

La Comunità Letizia ha sede presso Le Villette, a Saluggia (VC). è una struttura autonoma, con entrata indipendente e spazio esterno condiviso con la Comunità Lilly. è ubicata nell’abitato del Comune di Saluggia, comoda a tutti i servizi (trasporti, scuole, centri sportivi, oratorio).

è costituita da una grande cucina, un soggiorno, camere da letto da uno/due letti, camera per l’educatore, ufficio, servizi per disabili, sala gioco e stanze laboratorio. Alla comunità afferiscono alcune stanze singole poste al piano inferiore della struttura, che consentono la sperimentazione di progetti di maggiore autonomia.

A chi si rivolge

La Comunità Letizia ospita un massimo di dieci giovani-adulti, di età superiore ai 18 anni, di ambo i sessi, per i quali non sia possibile, almeno temporaneamente, la permanenza nel nucleo famigliare o un’autonomia abitativa.

I giovani ospitati si trovano in situazione di disabilità o di disturbo psichico medio-lieve che abbia caratteristiche tali da compromettere, almeno temporaneamente, una vita autonoma e integrata.

Come si accede

Per le ammissioni il riferimento generale è il Protocollo per le ammissioni delle Villette.

Le ammissioni avvengono generalmente su richiesta del Servizio Sociale competente per territorio e del Servizio di Salute Mentale.

L’ammissione di ogni nuovo ospite è valutata dall’équipe della comunità insieme all’équipe delle Villette in base alle caratteristiche del giovane, alle sue precedenti esperienze di vita, alla possibilità di integrazione nel gruppo già esistente e all’adeguatezza della struttura alle sue specifiche necessità, alla possibilità di strutturare un progetto individuale.

 

 

Le Villette - Comunità e Centri terapeutico-riabilitativi

 

Sede operativa:

Le Villette
Via Don Carra 49 - 13040 Saluggia (Vc)
0161 480115      0161 480108

 

Sede legale:

Don Vittorio Dattrino SPA - Servizi alla Persona
Via Fratelli Barberis 17 - 13040 Saluggia (Vc)
0161 480148      0161 482820