R.A.F. per giovani-adulti - Comunità Lilly

Finalità

Ogni ospite è accolto in base ad un progetto individualizzato che, a partire dalle potenzialità del giovane, individui i percorsi che possono essere con lui intrapresi

La Comunità Lilly si propone come ambiente di accoglienza e educazione, di riabilitazione e cura di giovani che si trovino in situazione di grave difficoltà a partire da una condizione di disabilità o disturbo psichico.

In particolare, accoglie giovani affetti da esiti di autismo infantile, disturbi generalizzati dello sviluppo, con o senza base organica dimostrabile, disturbi della sfera emozionale e della condotta con insufficienza mentale, disabilità di vario genere caratterizzate da grave compromissione delle capacità, per i quali sussista, al momento dell’inserimento, un’effettiva difficoltà di integrazione sociale, scolastica o lavorativa.

Gli ospiti sono accolti in regime residenziale.

Ogni ospite è accolto in base ad un progetto individualizzato che, a partire dalle potenzialità del giovane, individui i percorsi che possono essere con lui intrapresi. Il progetto si articola sostanzialmente attraverso quattro strumenti, che sono: la vita comunitaria, le attività di laboratorio, il lavoro con le famiglie, le attività riabilitative.

Come funziona

Ogni ospite è accolto in base ad un progetto individualizzato che, a partire dalle potenzialità del giovane, individui i percorsi che possono essere con lui intrapresi.

Il progetto si articola sostanzialmente attraverso quattro strumenti, che sono:

  La vita comunitaria

I tempi e i ritmi che scandiscono la vita della comunità sono altrettanti punti di riferimento che possono creare un ordine e una base di sicurezza per questi giovani che spesso fanno difficoltà a strutturare un’organizzazione personale. La vita della comunità  consente di operare a partire da elementi (quali l’igiene e la cura del corpo, l’alimentazione, il sonno, ecc.) che possono rappresentare ambiti di acquisizione di capacità a partire dal modo con cui il giovane è accompagnato ad affrontarli.

  Le attività di laboratorio

Oltre che dai momenti della vita quotidiana, la giornata è scandita dalle attività di laboratorio. Questi sono momenti maggiormente strutturati in cui i giovani ospiti possono fare esperienza a partire da attività che attirato il loro interesse e che possono divenire strumenti di maggior equilibrio e maggiore autonomia. Alcune attività che vengono svolte sono il laboratorio di cucina e di abilità domestiche,  laboratorio di attività espressive,  laboratorio di ascolto e produzione musicale, laboratorio per il mantenimento e l’acquisizione di abilità cognitive e sociali, laboratorio di giardinaggio, attività di familiarizzazione con il territorio circostante svolte all’esterno della struttura.

  Il lavoro con le famiglie

Di particolare importanza è il lavoro con le famiglie, che sono considerate parte integrante del progetto. Incontri con i famigliari più o meno formalizzati a seconda dei casi, possono evitare di produrre dinamiche di esclusione verso il giovane o vissuti depressivi, di colpevolizzazione o di inadeguatezza da parte dei famigliari, contribuendo a favorire il percorso dei giovani inseriti attraverso la condivisione delle difficoltà così come delle risorse individuate. A seconda delle esigenze, i giovani ospiti rientrano in famiglia nei fine settimana o per periodi di vacanza, con modalità concordate secondo un progetto condiviso.

  Le attività riabilitative

I giovani possono usufruire di attività riabilitative calibrate in base alle esigenze e alle specifiche difficoltà che essi presentano, quali acquaticità, ippoterapia, espressione corporea e psicomotricità. Altre attività vengono programmate in base a specifiche necessità.

Dove si trova

La Comunità Lilly ha sede presso Le Villette, a Saluggia (VC). Si tratta di una struttura autonoma, con entrata indipendente e spazio esterno condiviso con la Comunità Letizia. è ubicata nell'abitato del Comune di Saluggia, comoda a tutti i servizi (trasporti, scuole, centri sportivi, oratorio).

I locali della comunità sono costituiti da una grande cucina soggiorno, camere da letto da uno/due letti, stanza per l'educatore, ufficio, servizi per disabili. Inoltre dispone di grande sala polivalente e di stanze per attività di laboratorio. Lo spazio esterno è adibito a giardino e orto.

A chi si rivolge

Il nucleo abitativo può ospitare fino a sette giovani d’ambo i sessi, di età superiore ai 18 anni, che presentano una condizione di disabilità psico-fisica medio-grave, con necessità di supporto educativo e sostegno tutelare.

Come si accede

Per le ammissioni il riferimento generale è il Protocollo per le ammissioni delle Villette.

Le ammissioni avvengono generalmente su richiesta del Servizio Sociale competente per territorio, ed eventualmente anche del Servizio di Salute Mentale. L’ammissione di ogni nuovo ospite è valutata dall’équipe della Comunità Lilly insieme all’équipe delle Villette in base alle sue caratteristiche, alla situazione famigliare, alla possibilità di integrazione nel gruppo già esistente e all’adeguatezza della struttura alle sue specifiche necessità.

 

 

Le Villette - Comunità e Centri terapeutico-riabilitativi

 

Sede operativa:

Le Villette
Via Don Carra 49 - 13040 Saluggia (Vc)
0161 480115      0161 480108

 

Sede legale:

Don Vittorio Dattrino SPA - Servizi alla Persona
Via Fratelli Barberis 17 - 13040 Saluggia (Vc)
0161 480148      0161 482820